Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

OK Informativa estesa cookie

Randonnée Sport (VR) 200 km – 24.02.2019

Il resoconto di Luca Zucconi:

"Il 2019 è l’anno “olimpico” dei randonners, in quanto si svolge ad agosto la manifestazione principe, attesa ogni 4 anni, la Parigi – Brest – Parigi (PBP).

Di conseguenza, è un anno particolare, in cui tutto viene anticipato per permettere ai preiscritti di conseguire i brevetti qualificanti sulle distanze di 200, 300, 400 e 600 km.

E così capita di trovarsi a fine febbraio (il 24), a Montorio, vicino Verona, alle 6.30 con -2° a partire per una randonnée di 200 km. Il percorso non è impegnativo e prevede l’avvicinamento al Lago di Garda a Lazise, il periplo del lago fino a Bardolino ed il rientro con la scalata delle Torricelle.

Si parte col buio, quindi fanali e giubbetti; con noi si aggrega un signore tedesco con cui condivideremo la giornata. La traversata di Verona, mentre rischiara, è molto affascinante, con la città deserta che si sveglia pian piano: Arena, passaggio sul Ponte di Castelvecchio, …

La strada prosegue tranquilla, ma il freddo è pungente. A Sirmione sosta in un bar per bere qualcosa di caldo. Intanto la giornata si apre ed il sole prova a scaldarci, mentre pedaliamo tutti assieme verso Toscolano Maderno (km 80), dove è posto il primo controllo. Il traffico, per essere sul Lago di Garda, è accettabile.
Si riparte quindi per il tratto più delicato, ossia l’alto versante bresciano, in cui si superano diverse e lunghe gallerie, fino ad arrivare in Trentino, toccare il punto più alto a Riva del Garda e fermarsi a Torbole per il secondo controllo (km 120). Dopo esserci ristorati, si riparte in direzione sud; tratto facile fino a Bardolino, dove è posto il terzo ed ultimo controllo (km 175).
Si abbandona il lago e si devia verso est, per attraversare qualche collina e trovarsi a percorrere il lungadige fino a Verona. Qui l’ultima fatica di giornata, con la salita breve e non impegnativa delle Torricelle (palcoscenico di due mondiali professionisti), che però dopo 210 km fa male!

Da qui discesa ed ultime pedalate, per arrivare tutti assieme: Ezio, Marco, Raffaele, Roberta, io ed il nostro amico tedesco."

NDR: Bravi Leoni e brava la Leonessa !!